VIAGGI SPORT VACANZE

Viaggi, aerei, alberghi, arte, sport, cicli e motocicli

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Arte Architettura Il castello dei Templari - La catastrofe

Il castello dei Templari - La catastrofe

Article Index
Il castello dei Templari
La catastrofe
Convento di Cristo
Charola
Casa Capitolare
Chiostri
All Pages

 

La ricchezza, la posizione creditizia nei confronti di molti personaggi potenti e l'autonomia politica finirono col creare cupidigia, invidia e malumori che ottennero di compromettere le buone relazioni dell'Ordine e, alla fine, ne determinarono la rovina. L'intraprendente Re di Francia, infatti, Filippo IV, detto il Bello, per liberarsi dei debiti contratti con l'Ordine, ne aggredì i componenti, prima con accuse infamanti di eresia e quindi arrestandoli e mettendoli nelle mani dell'Inquisizione spagnola.

Veggio il novo Pilato sì crudele,
che ciò nol sazia, ma senza decreto
porta nel Tempio le cupide vele.

Incontrando Ugo Capeto, capostipite della dinastia reale di Francia, è proprio alla figura di Filippo il Bello che Dante si riferisce (Divina Commedia, Purgatorio, XX 91-93) in questi versi: il nuovo Pilato, dopo aver abbandonato il Papa Bonifacio VIII in balia dei Colonna, suoi nemici mortali, si rivolse contro i Cavalieri Templari, illegalmente, visto che quest'ordine dipendeva dalla esclusiva giurisdizione del Pontefice.

Perché l'operazione potesse avere successo, era necessario agire con sincronismo e segretezza. Il 13 ottobre 1307, i cavalieri vennero quindi simultaneamente convocati per degli accertamenti fiscali all'esterno di molte sedi templari presenti sul territorio francese  e qui simultaneamente imprigionati. La lunga agonia dell'Ordine, costellata di torture, di roghi e di gratuite atrocità, culminò con l'esecuzione a Parigi di Goffredo de Charnay il 18 marzo 1314.

Nel frattempo, i più fortunati tra i Templari superstiti riuscirono a fuggire chi in Scozia, chi in Spagna, dove l'Ordine di Montesa ne incorporò il patrimonio, e chi in Portogallo dove l'Ordine si trasformò in Ordine de Cristo. Con questo nome operò da lì in poi, finanziando il potenziamento della flotta portoghese che si sarebbe distinta nelle successive esplorazioni e scoperte geografiche promosse da Enrico il Navigatore, Maestro dell'ordine dal 1417 al 1460.

Oltre che in Terra Santa, i Cavalieri Templari avevano partecipato alla riconquista dei territori iberici in mano ai Saraceni, e questo li aveva posti nelle condizioni di ottenere in cambio vasti possedimenti di terreno e acquisire castelli e fortificazioni nella Penisola Iberica.



 

Responsive EU Cookie Notify

Ricerca personalizzata

Siti
Booking.com

«Sulla Punta Della Lingua»
Renato Corpaci | Photo

ItaliaLibriNET
La locuzione di Anassimandro
Appartamento a Cervinia
Meteo Trivigno
B&B Boschi Grandi
Affitti Case vacanze e appartamenti Mondo
Affitti case vacanze e appartamenti nel Mondo. Contatto diretto con il proprietario per vacanze al mare, in montagna, in città o in agriturismo a prezzi economici